Headline News
Gladiator, il nuovo pick-up Jeep (febbraio 25, 2021 8:14 pm)
Scania 540S primo della classe (febbraio 25, 2021 8:46 am)

10 MAN TGX 18.510 per Logtainer

14 settembre 2020
646 Views

L’operatore intermodale ligure dal “full rail” ha deciso di puntare anche al trasporto su “gomma” con l’acquisto di 30 veicoli, 10 dei quali MAN TGX

La Logtainer Srl, fondata nel 1997, collega in modo capillare i principali porti italiani e le maggiori aree produttive del paese attraverso il trasporto intermodale con l’offerta di circa 70 treni settimanali su base “round trip”. Ad oggi la società ligure collega tutti i principali porti del Tirreno: da Vado Ligure a Genova, da La Spezia a Livorno, con un riferimento operativo anche a Napoli.

La sede legale della società è a Milano, ma la sede principale è a Genova, mentre le filiali logistiche sono quattro e si trovano a Rubiera (Reggio Emilia), Limito di Pioltello (Milano), La Spezia e nell’Interporto di Padova.

“All’inizio della nostra attività la scelta del vettore ferroviario era prioritaria – spiega Paolo Montanari, direttore generale di Logtainer – ma con il passare degli anni e volendo rispondere al meglio alle richieste dei nostri clienti ci siamo resi conto che l’integrazione gomma-rotaia era imprescindibile. Per questo abbiamo allestito una flotta di proprietà che conta ora, con i 10 MAN TGX, 30 trattori stradali e 34 semirimorchi. I nostri trasporti su gomma si concentrano soprattutto su servizi ad alto valore aggiunto, come merci di pregio, container refrigerati, merci pericolose e in codice CER (trasporto rifiuti). Tutti sono eseguiti con veicoli moderni e a basso impatto ambientale; inoltre, nei nostri terminal è possibile effettuare sdoganamenti, stoccaggio e riparazione dei container. In particolare, sulla tratta da La Spezia a Rubiera abbiamo attivato un corridoio doganale che si sta imponendo come una modalità semplificata, veloce ed economica, di gestione dei container in import.”

“I primi MAN li abbiamo acquistati nel 2008 e, dopo un’esperienza molto positiva, abbiamo rinnovato la fiducia alla casa di Monaco con un nuovo ordine nel 2015 e oggi con questi 10 MAN TGX 18.510 – prosegue Montanari – Oltre alle riconosciute doti di affidabilità e comfort dei veicoli, molto apprezzate dagli autisti, abbiamo sempre dato grande importanza al rapporto diretto con la casa e al suo servizio di assistenza, infatti tutti i veicoli sono coperti da contratti di manutenzione programmata e, operando in tutto il Nord Italia, facciamo riferimento al professionale network di officine MAN.”

I veicoli oggetto della fornitura sono trattori stradali 4×2 con cabina medio-alta XLX, equipaggiati con motori MAN D26 euro 6d, sei cilindri in linea da 12,4 litri, 510 CV e 2600 Nm di coppia, abbinati a cambi automatizzati MAN Tipmatic dotati di retarder. Le sospensioni sono a balestra sull’asse anteriore e pneumatiche al ponte posteriore, il rapporto al ponte è i=2,53. I veicoli sono dotati di sistema elettronico di stabilità ESP, assistente alla frenata MAN BrakeMatic e alla frenata d’emergenza EBA, Tempomat con regolazione automatica della distanza (ACC) con funzione Stop&go e di cruise control MAN EfficientCruise. La configurazione prevede tutti gli spoiler per un’aerodinamica ottimizzata.

“Se devo individuare le tendenze dei prossimi anni della logistica e dei trasporti – conclude Montanari – indicherei la digitalizzazione e aziende di dimensioni sempre maggiori. È un processo inarrestabile: i committenti sono sempre più grandi e internazionali ed è inevitabile, se si vuole garantire loro le risposte che si aspettano in termini di servizio, che le strutture logistiche debbano crescere di pari passo. Anche dedicarsi alle piccole nicchie può funzionare per qualche anno ma poi, quando inevitabilmente la domanda cresce, è necessario essere strutturati e proattivi se si vuole essere sempre all’altezza delle richieste del cliente. Ecco perché i programmi futuri della Logtainer si possono riassumere in crescita dell’azienda per linee interne ed esterne, lancio sul mercato di nuovi prodotti intermodali e incremento della flotta.”

shares