Headline News
Conti360° Solutions (aprile 13, 2021 9:27 am)
10 IVECO S-Way LNG per la AEV (aprile 12, 2021 7:15 pm)
13 MAN TGE per CSB Trasporti (aprile 12, 2021 10:50 am)
Saura Sacchetti (Sakura) (aprile 11, 2021 8:56 pm)

60 anni fa, Mercedes-Benz Trucks presentava il primo “Muso corto”

5 marzo 2019
1.997 Views

Il 5 marzo 1959 la Stella di Stoccarda, presentava i primi truck a ‘muso corto’, con i modelli L 322 e L327 e L 337

Proprio a 60 anni da oggi Mercedes-Benz, lanciò con successo una nuova gamma di truck estremamente innovativa, introducendo nel design quello che ai giorni nostri definiamo il family feeling. I vecchi “musoni” cedevano il passo ai nuovi camion con il “muso corto”, caratterizzati, nel frontale, da uno stile che riprendeva le linee delle berline Mercedes-Benz dell’epoca.

Ma le innovazioni non riguardavano unicamente il design. Per l’epoca quei veicoli rappresentavano il massimo in termini di sicurezza, confort e funzionalità.

Una solida cabina, costruita interamente in acciaio, vantava superfici vetrate di maggiori dimensioni che migliorava la visibilità in tutte le fasi di guida, con i due vetri temperati posteriori di sicurezza. Comfort migliorato, grazie ad un’accurata insonorizzazione. L’estrema funzionalità e versatilità decretarono il successo della serie a ‘muso corto’, che era disponibile come pick-up, in versione ribaltabile e trattore, con la trazione integrale e, per la sola versione per il carico pesante, anche a tre assi.

La versione più famosa della serie ‘muso corto’ fu la 322 che, dopo la riorganizzazione delle sigle identificative, avvenuta nel 1963, cambiò in 1113. La sequenza numerica corrispondeva alle 11 ton di carico consentito ed alla poenza del motore (130 CV).

Proprio come allora Mercedes-Benz offre prodotti rivoluzionari che mettono in primo piano sicurezza, comfort e funzionalità.

Il nuovo Actros, infatti, è più sicuro ed efficiente che mai grazie all’introduzione di moderni sistemi di assistenza alla guida come il nuovo Active Drive Assist, la nuova MirrorCam per una perfetta visibilità su tutti i lati, l’Active Brake Assist 5 con riconoscimento dei pedoni, il nuovo sistema di assistenza per il rilevamento della segnaletica stradale, il nuovo freno di stazionamento elettronico, il nuovo sistema di stabilizzazione del rimorchio anche per semirimorchi, i nuovi fari con ‘firma luminosa’ distintiva e sistema di assistenza abbaglianti. Sistemi di assistenza alla guida che contribuiscono ad una riduzione dei consumi nei tragitti extraurbani, grazie alla funzione ampliata del Predictive Powertrain Control, il sistema intelligente di gestione del Tempomat e del cambio. Oltre a un sistema di localizzazione satellitare, il nuovo Predictive Powertrain Control utilizza mappe stradali digitali particolarmente precise, che contengono dati sulla topografia, sull’andamento delle curve, sulla conformazione geometrica di incroci e rotatorie e sulla segnaletica stradale.

Il nuovo Actros non è solo sicuro, ma anche connesso. La sua plancia multimediale rielaborata offre al conducente un comfort di comando e visualizzazione unico nel suo genere. Due schermi interattivi (di serie) fungono da fonte di informazioni centrale sull’avveniristica postazione di lavoro digitale. Altra interessante novità, sul versante della connettività, riguarda la possibilità di integrare gli smartphone tramite Apple CarPlayTM o Android Auto.

Fleetboard, inoltre, offre soluzioni telematiche personalizzate, aiutando l’imprenditore nella gestione dei propri truck con la massima efficienza. L’app FleetBoard Manager consente un accesso semplice e rapido alla connettività e trasmette costantemente una serie di informazioni sui veicoli dellaf flotta, al fine di identificare potenzialità di ottimizzazione.