Accadeva prima del blocco per Covid-19 che la Massucco T. scegliesse 4 MAN TGS e 2 MAN TGM

23 marzo 2020
1.189 Views

I 6 truck MAN sono stati consegnati all’azienda piemontese, leader nel noleggio e vendita di macchine movimento terra e cava-cantiere, lo scorso mese dalla Concessionaria MAN Alpiservice di Cuneo

La Massucco T. nasce a Cuneo nel 1961 su iniziativa di Teresio Massucco come officina meccanica per macchine agricole ed in seguito movimento terra. Nel 1994 con l’ingresso in azienda del figlio di Teresio, l’allora ventenne Paolo, l’attività spinge i propri confini commerciali al settore noleggio, una novità per l’Italia di quegli anni. Così dai 20 dipendenti di allora si è passati agli attuali 120 tra la Massucco T. Srl e la consociata Massucco Costruzioni Srl.

I veicoli MAN oggetto della fornitura sono pensati per la stagione invernale 2020-2021, tuttavia sono stati configurati per essere utilizzati anche nel periodo estivo grazie alla versatilità del loro allestimento.

I quattro TGS 33.430 6X6 BB a cabina media M sono allestiti con vasca quadra ribaltabile trilaterale Cantoni e attrezzatura spargisale. I due TGM 18.290 4×4 BB con cabina compatta C, sono invece allestiti con gru retrocabina Palfinger a  cinque sfili idraulici con sbraccio di 14,8 m e momento di sollevamento di 15,5 kNm.

Su tutti i veicoli inoltre può essere montata la lama sgombraneve grazie alla presenza dell’apposita piastra fornita da MAN. Anche sul cassone scarrabile presente sui TGM, durante il servizio di sgombero neve, verrà installata una attrezzatura spargisale.

I TGS  33.430 6X6 sono equipaggiati con motore Euro 6d MAN D26 a sei cilindri in linea di 12,4 litri e 430 CV di potenza e cambio automatizzato MAN TipMatic Offroad a 12 rapporti dispone di un software calibrato sugli impieghi cantieristici  che, grazie all’apposito selettore con posizione Dx, modifica i tempi e aumenta i  regimi d’innesto marcia e inibisce i salti di marcia riducendo al minimo  l’interruzione della trazione. Inoltre, le marce inserite vengono mantenute più a lungo anche con il kick-down, consentendo l’avviamento con una coppia più elevata. Quando necessario, è inoltre possibile  inserire o disinserire la trazione sull’assale anteriore nel ripartitore di coppia. Le sospensioni, anteriori e posteriori, sono a balestre paraboliche, mentre il rapporto al ponte sull’asse posteriore è i=4,83 con doppia riduzione ai mozzi; il passo è di 3.600 mm. L’impianto frenante con  freni a tamburo è dotato del sistema elettronico di gestione  dei  freni MAN BrakeMatic che coordina le funzioni del freno di servizio EBS, del freno motore, del freno a bilanciere MAN EVB e dell’ABS. La cabina media M offre due posti passeggero, con quello centrale ribaltabile per essere utilizzato come piano di servizio e uno spazio dietro i sedili per riporre abiti e attrezzature.

I TGM 18.290 4×4 sono equipaggiati con motore Euro 6d MAN D08 a sei cilindri  in linea di 6,9 litri e 290 CV di potenza, abbinato a un cambio automatizzato MAN TipMatic a 12 rapporti, dotato della gestione automatica del ripartitore di coppia per garantire sempre una trazione ideale in qualsiasi condizione di utilizzo, in particolare su strade innevate, e protegge da eventuali errori dell’autista nel passaggio del ripartitore da  “strada”  a “fuoristrada”, nonché l’innesto del bloccaggio trasversale e longitudinale del differenziale, qualora questa operazione dovesse causare dei danni. Il veicolo è inoltre predisposto con presa di forza al cambio. La trazione anteriore inseribile è una trazione integrale in cui è possibile inserire o disinserire quella sull’assale anteriore nel ripartitore di coppia quando necessario. L’impianto frenante con freni a tamburo è dotato del sistema elettronico di gestione dei freni MAN BrakeMatic che  coordina le funzioni del freno di servizio EBS, del freno motore, del freno a bilanciere MAN EVB e dell’ABS. La cabina compatta C offre due posti passeggero con quello centrale ribaltabile per essere utilizzato come piano di servizio.

“Grazie all’attrezzatura scarrabile – spiega il titolare dell’omonima azienda Paolo Massucco – i due MAN TGM possono essere dotati di cassonetti per il trasporto di inerti e materiali edili, mentre i TGS, con vasca ribaltabile trilaterale, possono trovare  impiego in cave  e cantieri edili. Tutti i veicoli sono destinati al  noleggio e, all’arrivo del prossimo inverno, saranno pronti per entrare in servizio per la manutenzione stradale negli appalti ANAS che la nostra azienda gestisce.  Oppure potranno essere noleggiati dalle società che si aggiudicheranno altri appalti stagionali, che in questo modo potranno evitare di affrontare un investimento impegnativo come l’acquisto di veicoli con queste caratteristiche e questi allestimenti. Oggi le due società – ci dice Paolo Massucco – contano un parco  di circa 2 mila veicoli, dei quali 250 sono camion oltre le 3,5 t. Il noleggio rappresenta il 50% del nostro fatturato globale, equamente diviso con l’attività di vendita e  assistenza  di  macchine  movimento  terra:   siamo  infatti  concessionari Hitachi per Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e importatori dei brand McClosKey, Everdigm e Daedong. La nostra attività è supportata da filiali in tutta Italia a Milano, Torino, Taranto, Savona, Imperia, Cagliari, Beinette (CN) e poi in Francia a Frejus, Alby sur Chéran, Parigi e una  anche in Tunisia. Il rapporto con MAN è di lunga data, i primi veicoli li abbiamo acquistati nel 1990 e da allora è proseguito e si è sviluppato grazie alle riconosciute doti di affidabilità  e robustezza di  questi  veicoli,  un  elemento  fondamentale  per  il nostro lavoro. Proprio questa consolidata fiducia è stata la motivazione che ci ha spinto a scegliere MAN per questo importante investimento.”