Debutta la joint venture fra Daimler Truck AG e Volvo Group

La neonata joint venture svilupperà, produrrà e commercializzerà sistemi di celle a combustibile sia per mezzi pesanti che per altre applicazioni

Il progetto “cellcentric” è stato presentato durante un evento digitale da Martin Daum, CEO di Daimler Truck AG, e Martin Lundstedt, CEO di Volvo Group. Come premesso nei precedenti articoli, la joint venture contribuirà al raggiungimento in Europa di un trasporto sostenibile e neutrale sul fronte delle emissioni di CO2, che è previsto per il 2050 come elemento dell’European Green Deal. “Cellcentric” beneficia di decenni di know-how e di lavoro di sviluppo sia di Daimler Truck AG che di Volvo Group.

Sistema a doppia cella a combustibile cellcentric per applicazioni pesanti

Entrambe i Costruttori sono convinti che i truck elettrici alimentati a batteria ed i truck elettrici alimentati da celle combustibile a idrogeno, rappresentano due soluzioni vantaggiose a seconda delle esigenze d’impiego. Quanto più leggero è il carico e breve la distanza, tanto più la batteria rappresenterà la scelta giusta. Viceversa, quanto più pesante è il carico e lunga la distanza, tanto più sarà opportuno optare per la cella a combustibile.

“I truck elettrici con sistema di propulsione a celle di combustibile a idrogeno saranno una tecnologia chiave per il trasporto ‘carbon neutral’ del futuro – ha dichiarato  Martin Daum, Presidente del Board of Management di Daimler Truck AG e Membro del Board of Management di Daimler AG – In combinazione con motorizzazioni esclusivamente elettriche a batteria, possiamo offrire ai nostri Clienti, a seconda del caso applicativo, le migliori alternative per una propulsione neutrale sul fronte della CO2. Ciò non sarà possibile ricorrendo esclusivamente ai truck elettrici a batteria. Insieme al nostro partner Volvo Group, supportiamo pienamente la nostra joint venture per le celle a combustibile cellcentric e promuoviamo con la massima energia lo sviluppo della tecnologia e la preparazione della produzione in serie. Per quanto concerne la necessaria infrastruttura per questo vettore energetico, l’idrogeno verde è l’unica strada ragionevole nel lungo periodo.”

“La nostra massima priorità è raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi al più tardi entro il 2050 e diventare così carbon neutral – ha sottolineato Martin Lundstedt, CEO di Volvo Group – Siamo convinti che la tecnologia delle celle a combustibile basate sull’idrogeno svolgerà un ruolo importante nel raggiungimento di questa pietra miliare. Sappiamo bene tuttavia che si tratta di molto più che della semplice elettrificazione di motori e veicoli. È necessaria una più ampia cooperazione tra gli attori pubblici e privati per sviluppare la tecnologia e l’infrastruttura necessarie. Per tale motivo chiediamo un’azione congiunta da parte dei responsabili politici e dei governi di tutto il mondo, affinché la tecnologia delle celle a combustibile basata sull’idrogeno possa avere successo. Le partnership come cellcentric sono di fondamentale importanza per la decarbonizzazione del trasporto di merci su strada.”

A questo punto è necessario pensare alle infrastrutture. I principali costruttori europei, supportati anche da Daimler Truck AG e da Volvo Group, chiedono la costruzione di circa 300 stazioni per il rifornimento d’idrogeno ad alte prestazioni per veicoli pesanti entro il 2025 e di circa 1.000 stazioni di rifornimento di idrogeno, a livello europeo, al più tardi entro il 2030. L’iniziativa congiunta mira a rendere possibile l’utilizzo dell’idrogeno come vettore di corrente ecologica per l’alimentazione degli autocarri elettrici a lunga percorrenza, un aspetto fondamentale della decarbonizzazione del trasporto merci su strada.

I truck a zero emissioni attualmente sono molto più costosi dei veicoli convenzionali. È auspicabile pertanto da parte dei Governi l’erogazione di incentivi fiscali che ne agevolino la diffusione. I due azionisti di “cellcentric” chiedono pertanto un quadro normativo unico nell’ambito della UE, che accompagni e promuova l’introduzione delle celle a combustibile basate sull’idrogeno. Tale quadro dovrebbe anche consentire alla tecnologia di raggiungere la parità dei costi rispetto alle propulsioni convenzionali.

Attualmente sono in corso i lavori di preparazione di una produzione pre-serie nel nuovo stabilimento Daimler di Esslingen, vicino a Stoccarda.

Daimler Truck AG e Volvo Group prevedono di iniziare la fase di sperimentazione dei truck a celle a combustibile presso i clienti entro circa tre anni e di avviare la produzione in serie nella seconda metà di questo decennio.

Tutte le attività delle Aziende, relative ai loro veicoli, si svolgono indipendentemente le une dalle altre. Daimler Truck AG e Volvo Group rimangono quindi concorrenti. Ciò vale per l’intero portafoglio di veicoli e prodotti, in particolare per quanto concerne l’integrazione delle celle a combustibile nei veicoli.

La joint venture “cellcentric” è nata il 1° marzo tramite l’acquisizione da parte di Volvo Group del 50% delle quote azionarie della già esistente Daimler Truck Fuel Cell GmbH & Co. KG, per una somma di circa 0,6 miliardi di euro senza contanti e senza indebitamenti.

Suddivisi in team interdisciplinari, più di 300 esperti altamente specializzati, lavorano per “Cellcentric” presso i siti di Nabern, Stoccarda e Burnaby (Canada). Ad oggi sono stati concessi circa 700 brevetti singoli, che sottolineano il ruolo di leadership dell’Azienda nello sviluppo tecnologico.