Domenico De Rosa, CEO di SMET, sul rincaro carburante

7 ottobre 2021
303 Views

Il monito dell’imprenditore a capo del Gruppo SMET sul rincaro carburante in generale ed in particolare sull’aumento esponenziale del prezzo dell’LNG

Il Gruppo SMET, attivo da 70 anni nel settore dei trasporti e della logistica, grazie a un costante processo di crescita all’insegna dell’innovazione dei processi, a un elevato livello di servizi, a risorse altamente qualificate e a investimenti mirati, oggi è leader nel trasporto multimediale a livello europeo. Particolarmente attento alla tutela dell’ambiente e alla ricerca di uno sviluppo sostenibile, il Gruppo SMET è tra i pionieri nella tutela dell’ambiente e nell’utilizzo di mezzi ECO TRUCK a metano.

Quello di oggi è un vero e proprio allarme lanciato da Domenico De Rosa: “L’impennata del gas metano liquido rischia di compromettere il processo di transizione energetica e l’abbattimento delle emissioni inquinanti. Come azienda leader a livello europeo nel settore dell’autotrasporto e della logistica intermodale, guardiamo con grande preoccupazione all’impennata registrata dal prezzo del gas metano liquido negli ultimi 12 mesi. Stiamo parlando di un aumento che supera il 100% e mette a repentaglio lo sviluppo di tecnologie strategiche per l’abbattimento delle emissioni inquinanti e, in ultima analisi, per la decarbonizzazione dei trasporti.”

Consapevole della necessità di una transizione energetica, a partire dal 2014, il Gruppo SMET ha investito nell’acquisto di Ecotruck di ultima generazione alimentati a LNG, nella ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie e di carburanti alternativi al Diesel.

“L’aumento esponenziale che stiamo registrando nel costo dell’LNG non può e non deve ricadere interamente sulle aziende che hanno investito nello sviluppo di modalità di trasporto sostenibile con piani industriali mirati – ha sottolineato De Rosa – Rischiamo di compromettere la transizione energetica, che il caro carburante rende antieconomica per le aziende del settore.”

De Rosa ha concluso con un appello alle Istituzioni: “In tal senso auspichiamo un intervento decisivo da parte del Governo, con l’obiettivo di tutelare la transizione energetica in atto. Chiediamo non solo una stretta vigilanza sull’aumento dei prezzi, ma anche e soprattutto misure analoghe a quelle contenute nel recente Decreto Salvabollette, che consentiranno di contenere i costi di luce e gas. Strategica a nostro avviso è infine la defiscalizzazione dei mezzi Ecotruck, che abbiamo già avuto modo di richiedere attraverso le nostre Associazioni di categoria.”