Headline News
Gladiator, il nuovo pick-up Jeep (febbraio 25, 2021 8:14 pm)
Scania 540S primo della classe (febbraio 25, 2021 8:46 am)
Christian Levin è il nuovo CEO di Scania (febbraio 23, 2021 8:19 pm)
Pro Fit by E-Ducato (febbraio 22, 2021 7:48 pm)

Mercedes-Benz Citan Van Compact 111 DCI

20 luglio 2017
1.223 Views

Abbiamo provato il piccolo Van stellato passando da percorsi autostradali a strade provinciali fino ad infilarci nei piccoli centri storici del Cilento

Per provare il Citan abbiamo seguito le orme di Bisio, protagonista di “Benvenuti al Sud”, e, partendo da Roma, ci siamo diretti a Santa Maria di Castellabate, perla turistica della costiera cilentana in provincia di Salerno.

In questa zona, densa di pescatori e pescherie, la fa da padrone il fratello grande del Citan, il Vito, o meglio “O Vito… o furgone dei pescatori”. Vi chiederete come mai il Vito Mercedes-Benz si sia guadagnato questa nomea… presto spiegato, perché da sempre è considerato un furgone veloce e, come si sa: “O pesce va consegnato freshco!”. Ma torniamo al Citan…

On the road

Lo small Van della Casa di Stoccarda non ha nulla da invidiare ai fratelli maggiori: il veicolo in prova è un Citan Van Compact 111 DCI equipaggiato con motore 4 cilindri Diesel Euro 5 da 1,5 litri, dotato di pacchetto BlueEFFICENCY. Girata la chiavetta ci rendiamo subito conto del lavoro fatto sull’insonorizzazione. I giri salgono prontamente e le marce si inseriscono con precisione tramite la leva a joystick, caratterizzata da un’escursione nparticolarmente corta. Il Citan durante la marcia risulta veramente confortevole anche su fondi stradali irregolari. In curva il veicolo è molto stabile; lo sterzo, preciso e diretto. Grazie alle misure compatte il furgoncino Mercedes-Benz si muove con agilità anche nei veicoli dei centri storici paesani.

Il consumo di carburante, grazie al pacchetto BlueEFFICENCY, raggiunge livelli da record: con un pieno di 60 litri di carburante siamo riusciti a percorrere 827 km, dei quali almeno 90 in giro per i piccoli agglomerati urbani del Cilento, con il computer di bordo che segnalava ancora 140 km di autonomia! Ben oltre, dunque, i 900 km di autonomia dichiarati dalla casa. Ai semafori, con il cambio in folle, il dispositivo ECO Start/Stop (di serie nel pacchetto BlueEFFICENCY) dopo qualche secondo spegne il motore, che riparte appena si schiaccia il pedale della frizione per innestare la marcia. Oltre alla funzione ECO Start/Stop, il pacchetto BlueEFFICENCY prevede la gestione ottimizzata della batteria e dell’alternatore che consente il recupero dell’energia in frenata, riducendo in tal modo le prestazioni dell’alternatore con conseguente minor consumo di carburante. Oltre a tutte queste misure, il furgone in dotazione, monta pneumatici con bassa resistenza al rotolamento che riducono ulteriormente il consumo di carburante.

Esterni

Esternamente,  specie sul frontale, i designer di Stoccarda sono riusciti a donare al veicolo il caratteristico familiy feeling Mercedes-Benz: muso alto e importante con calandra dall’andamento a V che ingloba la tipica Stella cerchiata. Il Citan Compact della prova ha un passo di 2.313 mm, è lungo 3.937 mm, largo 1.829 e alto 1.810.

Interni

I sedili anteriori, regolabili in senso longitudinale, nell’inclinazione dello schienale e in altezza (a richiesta), sono dotati di un’imbottitura rigida e al tempo stesso confortevole. La conformazione ergonomica dello schienale garantisce un buon sostegno laterale, oltre a comfort e sicurezza.

La plancia portastrumenti è rivestita in materiale plastico zigrinato dall’aspetto simile alla pelle, resistente ai graffi e di facile pulizia. Un appunto va fatto alla strumentazione che di giorno, a luci spente, è quasi illeggibile, salvo il quadrante digitale del computer di bordo. I comandi sono tutti a portata di mano e di facile interpretazione. Bello il volante a tre razze con doppia razza inferiore e la familiare Stella cromata applicata sulla piastra d’urto, regolabile in altezza e profondità.

Sicurezza

Rimaniamo veramente impressionati dai freni del Citan che anche dopo dieci frenate di emergenza simulate, in successione da una velocità di 100 km/h, mantengono inalterato il potere frenante. Il veicolo inoltre si blocca senza scomporsi, merito soprattutto dell’Electronic Stability Program Adaptive ESP che tiene conto anche della condizione del carico. L’innovativo sistema di regolazione della dinamica di marcia ingloba le funzioni del sistema antibloccaggio ABS, della ripartizione elettronica della forza frenante EBV, della regolazione del momento di trascinamento del motore MSR, del controllo di comportamento sovrasterzante e sottosterzante VDC (Vehicle Dynamic Control) e del sistema di trazione TCS (Traction Control System), oltre che la regolazione antislittamento ASR, la regolazione della coppia di trazione e di frenata e numerose altre funzioni secondarie. In casi eccezionali il conducente può disattivare la regolazione antislittamento premendo un pulsante che, tuttavia, si riattiva automaticamente in caso di condizione instabile del veicolo, oppure a partire da una velocità di 50 km/h.

Zona carico

Il vano di carico, profondo 1.369 mm, largo 1.460 e alto 1.258, ha una volumetrica di 2,4 m3. L’accesso è garantito da un portellone scorrevole laterale e due portelli asimmetrici a battente posteriori, apribili a 180°. La portata è adeguata alle misure del veicolo: 490 kg.

 

shares