Mobility Engineergin

5 febbraio 2019
1.181 Views

Il Politecnico di Milano, insieme a 13 enti e imprese, presenta il Corso di Laurea Magistrale in Mobility Engineering

Il nuovo Corso, presentato il primo febbraio dal Rettore dell’Ateneo Ferruccio Resta, Renato Mazzoncini, Docente di Mobility, Infrastructures & Services e  Dario Zaninelli, Coordinatore della commissione per la progettazione della nuova Laurea Magistrale, sarà attivo dal prossimo anno accademico 2019/2020.

Presentazione nuova Laurea Magistrale in “Mobility Engineering” foto di Matteo Bergamini

Ruolo fondamentale, nella nascita del nuovo Corso di Laurea Magistrale in Mobility Engineering (#LMMobilityEngineering), quello dei 13 enti e industrie leader di settore che hanno collaborato con l’Ateneo per definire il programma di studi: Brebemi; Italscania; Alstom Italia; Ansaldo STS; ATM;Brescia Mobilità; EvoBUS Italia S.p.A; Gruppo FS Italiane; Hitachi Rail; Lucchini RS; Mermec; Metra; Trenord.

Tra i progetti che verranno presi in analisi durante il nuovo corso di laurea, c’è anche il progetto della prima autostrada elettrificata in Italia, sviluppato da A35 Brebemi con Scania e Siemens.

“Il progetto pilota ‘CAL-A35 eHighway’ per la mobilità elettrica delle merci, che vede al nostro fianco Scania, Siemens, Politecnico di Milano e altri prestigiosi partner, trova nella nuova Laurea Magistrale in ‘Mobility Engineering’ del Politecnico di Milano, la giusta collocazione – afferma il Presidente di A35 Brebemi, Francesco Bettoni – Abbiamo sempre guardato al futuro con fiducia, convinti che l’innovazione anche in questo campo potesse solo migliorare la qualità della vita e la nostra presenza qui, all’interno di un prestigioso ambito formativo, va in questa direzione. L’interesse di A35 Brebemi verso questo nuovo corso di Laurea è quindi evidente nella misura in cui la sperimentazione desse i risultati sperati e quindi vi sarebbe la necessità di formare figure professionali di nuova generazione di alto ‘standing’ in grado di sopperire alle straordinarie opportunità lavorative che il neo modello di business potrà sviluppare.”

“Siamo molto orgogliosi di essere tra i promotori di questo progetto e di lavorare a stretto contatto con il mondo accademico. Scania è costantemente impegnata nel cooperare con tutti gli attori che si trovano ad operare nell’ecosistema dei trasporti, al fine di guidare il cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile. In questo senso si inserisce la collaborazione con il politecnico, realtà di grande prestigio in grado di formare profili professionali del futuro che potranno svolgere un ruolo di primaria importanza nel settore della mobilità, logistica e trasporti – ha sottolineato Franco Fenoglio, Presidente e Amministratore Delegato di Italscania – Lo sviluppo della prima autostrada elettrificata in Italia, una delle prime in Europa, è un esempio di grande eccellenza sul fronte dell’innovazione: il fatto che questo progetto diventi oggetto di studio nel nuovo corso di laurea del politecnico è per noi un motivo di grande orgoglio.”