Ritorna la scritta “Super” sui musi degli Scania

15 novembre 2021
736 Views

La Casa svedese rilancia il Diesel nella sua forma più pulita e parsimoniosa di sempre con i nuovi motori 6 cilindri 13 litri da 420 a 560 CV

Tante le novità introdotte nella nuova gamma di autocarri “Super” di Scania a cominciare da quella principale, i nuovi motori da 13 litri Diesel Euro 6. Sono occorsi cinque anni al reparto Ricerca e Sviluppo di Scania per progettare ex novo i nuovi propulsori, risultato di un investimento totale di oltre due miliardi di euro.

Scania 560 S 6×2 Highline; Scania 500 R 4×2 Highline

I nuovi 13 litri

La nuova gamma di autocarri Scania Super, equipaggiati con i nuovi motori Diesel, promette risparmi di carburante fino all’8% per le tratte a lungo raggio. Inizialmente i nuovi propulsori verranno offerti con quattro diversi livelli di potenza: 420, 460, 500 e 560 CV.  Tutti i motori possono essere alimentati con HVO e le versioni da 460 e 500 CV possono essere predisposte per l’utilizzo al 100% di biodiesel da fonti rinnovabili (FAME). L’architettura dei nuovi motori, tutti 6 cilindri in linea, prevede una distribuzione comandata da due alberi a camme in testa ottimizzati in termini di peso e potenza per aumentare efficienza e durata. Quattro valvole per cilindro. La cilindrata è di 12,74 litri e il rapporto di compressione è di 23:1.

 

La nuova piattaforma Scania è progettata e prodotta con le tecnologie più recenti e la vita utile dei componenti è aumentata del 30% rispetto alla generazione precedente, nonostante gli intervalli di manutenzione siano più lunghi. Aspirazione e scarico dei nuovi motori Scania sono calibrati con estrema precisione per assicurare un buon flusso dei gas attraverso il motore. Il turbo e il raccordo al collettore sono stati ottimizzati per gli stessi motivi. La pressione di picco all’interno dei cilindri ora raggiunge i 250 bar, un fattore che insieme agli iniettori perfezionati assicura un utilizzo preciso e completo dell’energia del carburante.

Il sistema di pulizia dei gas di scarico SCR Scania Twin Dosing garantisce efficienza energetica senza rinunciare alla conformità alle normative sulle emissioni di Nox, contribuendo al tempo stesso alla cospicua riduzione di consumo del carburante.

Nuovi cambi Scania Opticruise e nuovi differenziali

Il rinnovo della catena cinematica include anche nuovi cambi Scania Opticruise e una nuova gamma di differenziali.

Già lo scorso anno Scania ha presentato il nuovo cambio automatizzato G33CM, ora a questo si aggiunge il G25CM, una versione destinata a motori con coppie fino a 2500 Nm. Entrambe saranno associati ai nuovi motori Scania. Queste nuove generazioni di Opticruise pesano ben 60 kg in meno rispetto alle prime, grazie alla scatola completamente in alluminio e alle dimensioni ridotte. Anche la rumorosità è stata drasticamente ridotta.

Il Costruttore svedese introduce anche un nuovo differenziale, l’R756 con otto diversi rapporti al ponte molto veloci. Il più lungo con un valore di 1:1,95, in combinazione alla rapportatura interna più ampia dei nuovi cambi, contribuisce enormemente a diminuire i regimi motore, assicurando prestazioni di spunto ottimali. La marcia più efficiente è la 12ma (presa diretta), che consente di ridurre al minimo le perdite energetiche. L’overdrive si innesta solo quando le condizioni sono favorevoli. Questo significa che il veicolo probabilmente effettuerà più cambi marcia rispetto a quelli a cui sono abituati alcuni conducenti, allo scopo di ottimizzare il risparmio di carburante.

Nuovi telai

Il nuovo telaio MACH ad architettura modulare di Scania è molto più versatile e in grado di rispondere alle esigenze dei singoli clienti. La caratteristica principale è l’introduzione di una nuova logica nella disposizione dei fori sul telaio, dedicati all’installazione dei componenti, sia all’interno che all’esterno del telaio. Il risultato è un layout del telaio ancor più modulare e flessibile, che aumenta in modo esponenziale il numero di configurazioni possibili.

Sarà introdotta anche una gamma completamente nuova di serbatoi carburante, con capacità da 165 fino a 700 litri ciascuno. In linea generale, saranno disponibili tre misure (S, M e L), in lunghezze diverse. I nuovi serbatoi saranno caratterizzati da una innovativa forma a D, che ne migliora notevolmente la robustezza, grazie anche alle nuove staffe di fissaggio a “C”.

La pompa carburante a bassa pressione, il filtro carburante principale e il filtro di separazione dell’acqua sono stati rimossi dal motore stesso e ricollocati nell’unità di ottimizzazione del carburante separata. L’unità è montata su un lato del serbatoio primario. In questo modo Scania ha risolto una volta per tutte l’annoso problema di come riuscire a utilizzare tutto il carburante del serbatoio.

Scania ha anche sviluppato una nuova soluzione intelligente per assicurare la distribuzione del carburante tra i serbatoi sugli autocarri con doppio serbatoio. Grazie a un raccordo a T con un flusso separato e costante (ma molto limitato) verso l’unità di ottimizzazione del carburante, si viene a creare un effetto Venturi che assicura che non si formino tasche di aria a bloccare il flusso tra i due serbatoi verso quello principale.

Altri miglioramenti che accompagnano il nuovo autotelaio modulare di Scania sono due nuovi serbatoi AdBlue per aumentarne il volume, che possono essere montati lateralmente sul telaio. Scania presenterà anche i nuovi serbatoi dell’olio per impianti idraulici, con la stessa forma a D dei serbatoi carburante. Sono disponibili anche nuove opzioni per i serbatoi dell’aria, con staffe e tubazioni che sfruttano le nuove disposizioni dei fori del telaio, creando nuove potenziali posizioni di installazione.