Headline News
Gladiator, il nuovo pick-up Jeep (febbraio 25, 2021 8:14 pm)
Scania 540S primo della classe (febbraio 25, 2021 8:46 am)

Test Drive Scania S500 Highline

10 ottobre 2017
5.118 Views

Grande comfort di marcia, consumi ridotti e rispetto dell’ambiente sono i punti di forza di questo truck di ultima generazione Scania

L’appuntamento con Bo Eriksson, autista ufficiale Scania, è alle 11:00 di un lunedì mattina di ottobre presso il centro commerciale Milanofiori di Assago. Lì, per lo stesso orario, abbiamo convocato anche il nostro test driver Fabio Mosca. Lo Scania S 500, nella sua livrea  “Fiction Blue” si staglia maestoso tra le variopinte costruzioni di Milanofiori che ricordano molto un paesaggio LEGO. Dopo un breve giro di presentazioni e strette di mano, Bo cede lo scettro della guida a Fabio che agilmente si arrampica sull’imponente cabina dell’S e prende il posto di comando.

On the road

“Una volta saliti a bordo ci si rende subito conto delle migliorie apportate alla cabina – spiega Fabio – Il cruscotto, rispetto le precedenti versioni è stato abbassato per migliorare la visibilità frontale. Sedile di guida, avanzato e spostato verso sinistra e nuovo posizionamento del finestrino, ora più basso, offrono un’ulteriore miglioramento della visibilità laterale.” 

Il poderoso 6 cilindri in linea a testate modulari Scania, 4 valvole per cilindro, da 13 litri, si mette in moto con un rombo ovattato ma possente al tempo stesso come a dire: “Oh, guarda che qui ho 500 puledri che devo tenere a bada!”

Ci inseriamo con prudenza nella trafficatissima tangenziale milanese dirigendoci verso l’autostrada A4  in direzione Torino. Il trattore Scania S 500 tira senza sforzo il semirimorchio aerodinamico Krone con un carico di 44 ton, il massimo. Una volta lasciata la tangenziale prendiamo l’autostrada A4 Torino – Trieste: “E’ impressionante la velocità con la quale si innescano le marce. In pratica come in una berlina sportiva – rileva Fabio – i tecnici Scania hanno fatto un ottimo lavoro con il nuovo cambio Opticruise. La ripresa è progressiva e rapida pur mantenendo un filo di gas. E poi il bello è che a 90 all’ora, alzando il piede dall’acceleratore, il cambio si mette automaticamente in folle permettendo così di sfruttare l’abbrivio e riducendo al massimo il consumo, poi, ancor prima di perdere velocità innesca la marcia necessaria per mantenere l’andatura. Se si utilizza il Cruise Control a predizione attiva, il GPS prevede la topografia della strada da percorrere e regola di conseguenza la velocità di crociera del veicolo ancor prima di iniziare una salita o una discesa.” 

Usciamo a Novara ovest e ci dirigiamo verso la provinciale SP299 Valsesia.

Dopo un paio di rotonde prendiamo un lungo rettilineo che ci porta dritti dritti da “Reale”, un bar/trattoria dove si fermano molti camionisti. Dopo aver assaggiato la specialità della casa, “Fusilli in bianco al tonno”, ci rimettiamo in marcia in direzione A4.

Sulla provinciale Valsesia, Fabio fa notare che: “Le sospensioni della cabina e del telaio, pneumatiche su entrambe gli assi, offrono un eccellente livello di comfort in termini di assorbimento delle vibrazioni.”

Riprendiamo l’autostrada A4 in direzione Milano. Arrivati sulla tangenziale ci dirigiamo verso Seregno. Il traffico è lento e gli stop&go sono continui. “In questi casi – dice Fabio – è davvero apprezzabile il nuovo sistema frenante e la frenata automatica.”  L’impianto frenante dei nuovi truck Scania, lo ricordiamo, è stato completamente rivisto: le nuove guarnizioni dei freni, realizzate con un materiale d’attrito specifico per i dischi freno, garantiscono minima usura e massima efficienza di frenata. Inoltre, le nuove pinze freno, combinate con il riposizionamento dell’assale anteriore, spostato in avanti di 50 cm, riducono del 5% gli spazi di frenata rispetto alle generazioni precedenti.

Giunti a Seregno, ci fermiamo presso la sede della Autotrasporti MARTA. Qui abbiamo modo di osservare bene gli interni della cabina. “Il pavimento completamente piatto agevola gli spostamenti all’interno della cabina – spiega Fabio – Inoltre, il lettino posteriore, grazie all’avanzamento dei sedili, ora è decisamente più ampio e confortevole”

L’S 500 in prova dispone di un unico lettino inferiore dotato di materasso in schiuma. Le generosi dimensioni interne della cabina consentono di stare tranquillamente in piedi. In uno dei due gavoni tra i sedili anteriori è collocato un pratico frigorifero/freezer (accessorio a richiesta) per il mantenimento di viveri e bevande. Il sedile passeggero oltre alle regolazioni canoniche può girare su stesso. Il nuovo sistema di climatizzazione è in grado di raggiungere rapidamente la temperatura impostata, grazie anche all’isolamento termico della cabina, rendendoci particolarmente felici in questa calda giornata primaverile. Insomma, come dicevano i nonni: “Di quel che c’è, non manca niente!”

Conclusioni:

“Giudizio estremamente positivo per questo veicolo che offre un gran comfort di marcia e prestazioni generose – spiega Fabio – L’aerodinamica, estremamente curata, della cabina, oltre ad agevolare la riduzione dei consumi di carburante, annulla completamente noiosi fruscii di fondo. Anche il vano motore è ben insonorizzato. Anche se, per noi appassionati, un buon rombo fa sempre piacere. Tuttavia bisogna ammettere che l’attenuazione della rumorosità, nelle lunghe trasferte è sempre apprezzabile.”

Ma ora vediamo che giudizio ha dato il Truck Scania al nostro Driver:

Beh, niente male! Complimenti Fabio!

Tabella consumi Scania

 

Il nostro test driver

Fabio Mosca, Manny, per gli amici: ha 27 anni ed è contitolare dell’impresa di famiglia, Autotrasporti MARTA, con sede a Seregno in Brianza. Vanta una lunga esperienza nei trasporti centinati nazionali ed esteri, soprattutto nel settore automotive.

 

shares