Volkswagen Transporter 6.1

14 aprile 2019
3.105 Views

La nuova release del T6 presentata al BAUMA 2019 con tutte le varianti di carrozzeria: furgone, Kombi e autotelaio a cabina singola e doppia

Con la scelta del suffisso “6.1” per indicare il nuovo aggiornamento del Transporter, Volkswagen Veicoli Commerciali sottolinea il distacco, in termini di modifiche tecniche, dal precedente modello con l’aggiunta di tanta sicurezza in più.

Sicurezza al top

La modifica più importante, che ha accosentito l’intrduzione dei tanti nuovi sistemi di assistenza alla guida, è certamente l’adozione di un servosterzo elettromeccanico in luogo del precedente servosterzo idraulico. Una modifica estremamente complessa in una linea di prodotti che solitamente si effettua solo quando si passa ad una generazione successiva. Con il nuovo servosterzo elettromeccanico entrano così in scena nuovi  sistemi di assistenza alla guida come: il Lane Assist (per mantenere il veicolo nella corsia); il Park Assist (che consente il parcheggio con manovre automatiche); la protezione delle fiancate (che avverte in caso ci si avvicini pericolosamente a ostacoli o pedoni); il Rear Traffic Alert (che garantisce protezione quando si esce in retromarcia da un parcheggio); il Trailer Assist (che facilita sensibilmente le manovre in presenza di rimorchio grazie allo sterzo automatico). La gamma dei nuovi sistemi è completata dalla funzione dinamica Road Sign Display (disponibile in combinazione con il sistema di navigazione). Un’altra dotazione di serie delle versioni furgone e Kombi è rappresentata dal sistema Cross Wind Assist, che stabilizza il Transporter 6.1 in presenza di forti raffiche di vento. Anche il Post-Collision Braking System e il sistema Hill Start Assist sono di serie.

Motorizzazioni

Al momento del lancio, il Transporter 6.1 sarà equipaggiato con motori turbo Diesel 2.0 con una variegata offerta di potenze: di 90 CV, 110 CV, 150 CV e 199 CV. Tutti i propulsori sono conformi alla norma sulle emissioni Euro 6d TEMP (WLTP). Le versioni da 150 CV e 199 CV saranno disponibili a richiesta con trazione integrale (4MOTION).

In arrivo anche l’elettrico

Grazie alla collaborazione con ABT, il Transporter 6.1 sarà offerto nella variante elettrica al 100%, spinta da un motore elettrico da  82 kW alimentato da un pacco batterie da 77,6 kWh che assicura un’autonomia, a detta del costruttore, di oltre 400 km sul ciclo combinato. La portata utile del veicolo è di 1,2 ton.

Nuove funzioni in cabina e zona carico

La cabina, ridisegnata, presenta ora una presa elettrica da 230 volt accanto al sedile del conducente e uno scomparto dotato di serratura sotto il sedile doppio sul lato del passeggero. Di nuova introduzione anche il passaggio tra la stiva e la cabina per il carico di oggeti lunghi, che possono essere spinti sotto il sedile doppio del passeggero (funzione di carico passante).  In questo modo, la lunghezza massima del vano di carico aumenta da 2.450 a 2.800 mm e, nelle versioni a passo lungo, da 2.900 a 3.300 mm. Il Transporter 6.1 è dotato di serie anche di una chiusura indipendente del vano di carico (furgone e Kombi con paratia divisoria), che viene così chiuso separatamente dalla cabina di guida. Opzione 1: viene chiuso solo il vano di carico (modalità “Postino”); opzione 2: viene chiusa solo la cabina di guida (modalità “Officina”). In un secondo momento verrà aggiunto un “Pacchetto corrieri”, caratterizzato dal rinforzo dei componenti del veicolo soggetti a sollecitazioni elevate (alternatore, batteria e alberi di trasmissione).

Dotazione di serie arricchita

Tutte le versioni del T6 venivano già offerte con alzacristalli elettrici, chiusura centralizzata, specchietti retrovisori esterni regolabili e riscaldabili elettricamente. In aggiunta il T6.1 monta di serie nuovi fari H7, plafoniera interna con luce a LED e impianto radio Composition Color DAB con display touch da 6.5” con dispositivo vivavoce Bluetooth.

Connessione

A richiesta per il T6.1 è disponibile la terza generazione del sistema modulare di infotainment MIB3. Il nuovo sistema consente di utilizzare applicazioni e servizi online completamente nuovi. La caratteristica più importante dell’architettura del sistema elettrico del veicolo è rappresentata dalla scheda SIM integrata (eSIM), che rende possibile l’accesso ad una nuova gamma di funzioni e servizi basati sul web.