Headline News
IVECO 3R – Real Road Rent (ottobre 18, 2019 8:49 pm)
Clever Bodybuilder Solutions 2019 (ottobre 15, 2019 11:06 pm)
Franco Fenoglio è CEO dell’Anno (ottobre 11, 2019 11:29 am)

Wagenstetter testa l’Active Drive Assist del nuovo Actros

24 luglio 2019
667 Views

Lo spedizioniere tedesco di Forsting, in Alta Baviera, sta tesando già da diversi mesi il sistema ADA del nuovo Mercedes-Benz Actros

La sperimentazione del nuovo Actros in condizioni di utilizzo reale, presso i Clienti Mercedes-Benz Trucks, si è focalizzata in modo particolare sul nuovo Active Drive Assist. Il sistema, unico nel suo genere, consente la guida parzialmente automatizzata del veicolo in tutte le velocità, una novità assoluta per un truck di serie.

La società di spedizioni Wagenstetter di Forsting, in Alta Baviera opera nei settori del trasporto di generi alimentari e di merci pericolose. Le rotte principali dell’azienda si snodano tra la regione della Ruhr ed il Nord Italia. L’elevato chilometraggio che ogni giorno viene affrontato dai veicoli quindi consente di testare a fondo il nuovo sistema. Con Wagenstetter, infatti, i valori sul contachilometri lievitano in brevissimo tempo: i truck che viaggiano normalmente con due conducenti e percorrono anche più di 300.000 chilometri l’anno.

L’Active Drive Assist supporta attivamente il conducente nella guida longitudinale e trasversale del truck e può frenare ed accelerare il veicolo automaticamente, nonché mantenerlo nella corsia di marcia mediante movimenti attivi del volante. Il conducente tuttavia rimane l’unico e solo responsabile del veicolo e deve sempre adattare il suo stile di guida alla situazione del traffico.

In Wagenstetter il nuovo Actros è stato guidato da Tom Westphal. L’autista cinquantenne utilizza l’Active Drive Assist sia sulle strade interurbane dell’Alta Baviera sia sulle tratte autostradali che lo conducono regolarmente nel Nord Italia. “Il sistema fornisce un valido supporto nelle più diverse situazioni: nel traffico intenso, l’Active Drive Assist aiuta a mantenere sempre la corretta distanza rispetto al veicolo che precede, senza regalare tuttavia spazio agli altri veicoli – rcconta Wesphal – Sulle tratte più lunghe e monotone, invece, assume quasi la funzione di un copilota, che non smette mai di prestare attenzione e, talvolta, esegue tempestivamente anche piccole correzioni. Complessivamente il sistema svolge una parte del lavoro al mio posto. Ovviamente devo sempre tenere sotto controllo tutto personalmente, ma dopo nove ore di lavoro, grazie all’Active Drive Assist, non sono più così stanco come prima, quando non disponevo del sistema.”

I sistema Active Drive Assist è sempre attivo non appena il conducente inserisce il Tempomat e fissa una velocità, ma può essere anche disattivato in caso di bisogno. Quando la telecamera del sistema rileva la demarcazione della corsia su entrambi i lati, l’Active Drive Assist inizia a supportare attivamente il conducente nel controllo longitudinale e trasversale del veicolo. Ciò viene segnalato sul display centrale della plancia multimediale mediante un piccolo simbolo blu raffigurante un volante e demarcazioni della corsia, sempre in colore blu.

La posizione del truck nella corsia di marcia può essere regolata in più stadi tramite il volante multifunzione. La superficie sensibile sul lato sinistro del volante ospita sei interruttori disposti in cerchio anche per il controllo del Tempomat. In posizione centrale tra questi interruttori si trova un touch control pad, un elemento di comando importante per l’impiego dell’Active Drive Assist. A seconda della direzione in cui il conducente desidera spostare il truck nella corsia di marcia, deve compiere un gesto di scorrimento sul touch control pad in senso orizzontale, verso sinistra o destra, e confermare l’immissione del comando. Qui è anche possibile stabilire la distanza dal veicolo che precede. A tal fine il conducente deve compiere un gesto di scorrimento verso l’alto o il basso.

Se il conducente ha opportunamente programmato l’Active Drive Assist ed il truck si avvicina eccessivamente al veicolo che lo precede, ciò viene segnalato sul display centrale mediante l’immagine stilizzata di un veicolo che precede. In questo caso l’Active Drive Assist frena automaticamente il truck. Non appena è presente una distanza sufficiente, il sistema accelera il truck, sempre in modo automatico, fino al raggiungimento della velocità impostata con il Tempomat.

Il sistema svolge il medesimo ruolo attivo anche per quanto concerne il controllo del veicolo nella sua corsia di marcia: se il truck si accinge ad uscire dalla corsia, l’Active Drive Assist interviene sterzando autonomamente per mantenerlo in carreggiata. Un ulteriore valore aggiunto sul fronte della sicurezza: se il conducente disattiva l’Active Drive Assist, il sistema antisbandamento attivo rimane in funzione. L’Active Drive Assist utilizza a tal fine il nuovo sterzo Servotwin a comando elettroidraulico, che aumenta la coppia sterzante all’occorrenza.

“All’inizio ho dovuto abituarmi al sistema – ammette l’autista Tom Westphal – L’intervento del sistema Active Drive Assist rappresenta un netto cambiamento dell’esperienza di guida. Ma impari ben presto a fidarti, perché le correzioni sono sempre opportune e finalizzate alla sicurezza. Lo si può notare in modo particolare sulle lunghe percorrenze. Il risultato è semplicemente una guida meno stressante.”

Anche Klaus Wagenstetter, Managing Director della società di spedizione Wagenstetter, è pienamente convinto dell’utilità della guida parzialmente automatizzata: “L’Active Drive Assist è un sistema in grado di supportare efficacemente i nostri conducenti soprattutto durante la guida in autostrada e sulle superstrade. Attualmente solo il nuovo Actros mette a disposizione un sistema per la guida semiautomatica che offra questa gamma di prestazioni. Con questo modello, Mercedes-Benz Trucks ha confermato ancora una volta la sua leadership tecnologica.”

Nel nuovo Actros tutti i sistemi di assistenza cooperano in perfetta sinergia: ai fini del rilevamento dei veicoli che precedono e del riconoscimento delle strisce di demarcazione della carreggiata, ad esempio, l’Active Drive Assist si avvale della tecnologia più evoluta basata su radar e telecamere del nuovo Active Brake Assist 5. L’Active Drive Assist si attiene anche fedelmente alle prescrizioni del sistema ulteriormente ottimizzato Predictive Powertrain Control, al fine di far viaggiare il truck nel modo più efficiente possibile dal punto di vista del consumo di carburante. Il responsabile della società di trasporti Klaus Wagenstetter: “Per quanto concerne i sistemi di assistenza, Mercedes-Benz Trucks offre un pacchetto complessivo molto equilibrato, capace di migliorare efficacemente la sicurezza e la redditività del nostro lavoro”.

La società di trasporti è stata favorevolmente impressionata anche dal sistema Predictive Powertrain Control ulteriormente sviluppato. Il sistema, finalizzato all’abbassamento dei consumi di carburante, oggi non supporta più il conducente solo in autostrada e sulle superstrade, ma anche lungo le strade interurbane. Adesso le mappe in esso memorizzate comprendono anche le strade provinciali. Conseguentemente intervengono nelle regolazioni del Tempomat e nel comando del cambio anche le caratteristiche geometriche delle curve, degli incroci e delle rotatorie e la relativa segnaletica stradale: “Viaggiamo molto spesso sulle provinciali dell’Alta Baviera per condurre le nostre motrici ed i rimorchi lungo i tratti più favorevoli ai fini dell’organizzazione dei nostri trasporti – spiega Klaus Wagenstetter – Il Predictive Powertrain Control ci aiuta ad abbassare i consumi e, nel nostro settore, è possibile ottenere un ragionevole margine di guadagno solo se si viaggia consumando poco carburante. Questo è ciò che ho imparato in 30 anni di lavoro nel settore dei trasporti.”

Anche Tom Westphal è convinto del Predictive Powertrain Control ulteriormente ottimizzato: “Adesso posso guidare in tutto relax con il Tempomat anche sulle strade interurbane, perché il Predictive Powertrain Control seleziona sempre la marcia e la velocità corrette. Quando ad esempio oltrepasso un cartello che segnala l’ingresso in un centro abitato, il sistema regola automaticamente il giusto limite di velocità.”

Anche le nuove MirrorCam consentono di risparmiare carburante. Il sistema è composto da due telecamere compatte rivolte verso la zona posteriore, le cui immagini vengono visualizzate su due display situati sui montanti anteriori della cabina. “La MirrorCam rappresenta un enorme miglioramento non solo per l’aerodinamica, ma anche per la sicurezza e la maneggevolezza del veicolo – afferma Tom Westphal – Grazie all’eliminazione dei grandi specchi retrovisori, dispongo di una visibilità su tutti i lati nettamente migliore. Ritengo molto utili anche le linee di distanza, che mi consentono di stimare meglio la posizione dei veicoli retrostanti. L’ho già detto al mio capo: da adesso in poi vorrei guidare solo con la MirrorCam. Che non mi presenti un veicolo diverso da questo!”

shares