Sono 75 anni che DAF costruisce camion

17 giugno 2024
Comments off
175 Views

La casa olandese festeggia quest’anno il 75mo anno di attività nel settore della costruzione di veicoli industriali. Ma la sua storia inizia prima…

Era il primo aprile del 1928 a Eindhoven, in Olanda, quando Hubert “Hub” Van Doorne, aiutato finanziariamente da heer Huenges, proprietario della fabbrica di birra Coolen, aprì la sua prima officina. Nacque così la “Hub Van Doorne, Machinefabriek en Reparatie-inrichting, officina per la fabbricazione e riparazione di parti meccaniche in genere, gestita dai fratelli Hub e Wim Van Doorne.

Nel 1932, l’attività dei fratelli Van Doorne, che nel frattempo era cresciuta si trasferiva, sempre ad Eindhoven, presso una sede più grande con 32 operai, nuovi macchinari e nuovi impianti. Nasceva  la Van Doorne’s Aanhangwagenfabriek che diede poi origine all’acronimo DAF. L’attività principale della piccola azienda era la produzione di rimorchi e semirimorchi per camion, dotati di soluzioni avveniristiche per l’epoca come telai ultraleggeri, impianti frenanti collegati al trattore e sistemi di aggancio automatico.

Nel 1935, la Van Doorne’s Aanhangwagenfabriek, in collaborazione con un capitano d’artiglieria olandese, Van der Trappen, produsse un camion militare a trazione integrale da 4 fino a 10 ruote motrici, il TRADO (dalla congiunzione dei due cognomi Trappen e Doorne). Il camion aveva sospensioni indipendenti su tutti gli assi per consentire a tutte e sei le ruote di rimanere sempre in contatto col terreno. Il motore era di provenienza Ford, un V8 da 85 CV. Successivamente vennero adottati propulsori Chevrolet. Gli pneumatici erano tutti a prova di proiettile.

Nel 1936 la Van Doorne’s Aanhangwagenfabriek sviluppò un rivoluzionario semirimorchio con ralla, da circa 3,5 tonnellate, in grado di caricare e scaricare facilmente i container dai treni merci.

Arrivano i primi camion

I primi veri camion la società olandese li progettò durante la seconda guerra mondiale. A quel tempo i motori erano di provenienza statunitense e britannica: Hercules quelli a benzina, Perkins i Diesel. Nel 1948 la ragione sociale venne modificata in Van Doorne’s Automobiel Fabriek, mantenendo intatto il marchio DAF. L’anno successivo partì la produzione industriale dei primi autocarri DAF: l’A30 da 3 ton, l’A50 da 5 ton e l’A60 da 6 ton. I camion venivano costruiti interamente in casa, tranne assali, motori e trasmissioni.

Il dopoguerra

Nel 1950 venne inaugurato un nuovo opificio industriale a Geldropseweg (l’attuale sede): una struttura di 9.000 mq in grado di sfornare, allora, dai 10 ai 12 camion a settimana. Nel frattempo continuava la fruttuosa collaborazione con l’esercito che diede origine a diversi autocarri per uso off-road (la serie YA), configurati con trasmissioni integrali 4×4, 6×4 e 6×6.

Nascono i primi motori DAF

Nel 1957 l’azienda olandese iniziò la produzione di motori British Leyland costruiti su licenza che di lì a breve vennero sostituiti da nuove versioni interamente DAF. Nel1958 inizia la produzione “in house” anche di assali. Fu così che sorse la fabbrica di Oevel, piccolo paese situato vicino a Westerlo in Belgio.

“The mother of road international transport”

Nel 1962 DAF presentò l’Eurotrailer, una motrice con il corpo totalmente realizzato in alluminio. In quegli anni venne realizzato il DAF 2600 con la prima cabina con annesso un piccolo letto, la serie “Sleeper”, per il trasporto a medio-lungo raggio. In seguito, il truck venne ribattezzato dalla stampa specialistica come “the mother of road international transport”.

Arrivano le Tilt Cab

Nel 1970 DAF inserì una nuova generazione di cabine; l’F1600 e l’F2200, conosciute anche come Tilt Cab, queste cabine si ribaltano in avanti staccandosi dagli assali e dallo chassis dando così la possibilità di accedere liberamente al motore.

Due letti in cabina e un turbo nel motore

Con due letti in cabina, ed un motore DAF da 11.6 litri, il 2800 fu un degno successore del 2600. DAF, inoltre, fu il primo costruttore del mondo a dotare i propri mezzi di motori turbodiesel con raffreddamento a liquido (intercooler).

Assistenza internazionale

L’internazionalizzazione del trasporto su strada convinse DAF, all’inizio degli anni ‘70, di creare l’ITS, il servizio di assistenza internazionale.

La “Space Cab” e il primo Truck of the Year

Verso la fine degli anni ‘80 assieme ai truck pesanti 3300 e 3600 venne introdotto sul mercato il DAF 95. La cabina di questo veicolo venne realizzata in collaborazione con la spagnola Enasa. Come i suoi predecessori, il 2800, il 3300 ed il 3600, anche il 95 fu prodotto con una spaziosissima cabina “Space Cab”, una due letti con un’altezza di 3900 mm. Nel 1988 il DAF 95 si aggiudica il titolo di “Truck of the Year”, il primo della storia della casa olandese.

“Super Space Cab”

Nel 1994 con l’intento di concepire qualcosa di nuovo nell’ambito del comfort e della vivibilità, DAF creò la cabina Super Space Cab per il suo modello di maggior successo, il DAF95.

Arriva la Paccar e nasce l’XF95

Nel 1996 l’americana Paccar acquisisce la DAF che era entrata in un grave loop economico. Nel 1997 il brand olandese presentò l’XF95. Un grande truck per il trasporto di linea promosso “Truck of the Year1998”.

Dai pesanti ai medioleggeri

Nel 2001 vengono create la serie CF, adibita al trasporto medio-pesante, e la serie LF, per il segmento del trasporto leggero oltre le 3,5 tonnellate che, nel 2002, è stato votato come “Truck of the Year”.

Premi su premi

Nel 2007 il DAF XF105 diventa il “Truck of the Year” mentre, nel 2012, il CF85 si aggiudica per l’undicesima volta il prestigioso riconoscimento di “Fleet Truck of the Year” (Camion dell’anno per le flotte).

L’ibrido

Nel 2010, DAF è stata la prima a introdurre sul mercato un veicolo ibrido. L’LF Hybrid permette di ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 del 20%, grazie all’utilizzo di un motore elettrico nelle aree urbane. L’LF Hybrid testimonia la posizione di primo piano di DAF nel rendere più sostenibile il trasporto su strada.

Platooning

Nel 2016 il consorzio EcoTwin che comprende DAF Trucks, TNO, NXP e Ricardo partecipa all’European Truck Platooning Challenge, organizzato dal Ministero dell’Infrastruttura e dell’Ambiente olandese, un test paneuropeo su larga scala per sperimentare su strada delle combinazioni di veicoli collegati in modalità wireless (platoon) per procedere a breve distanza l’uno dall’altro, con vantaggi in termini di consumo di carburante e, di conseguenza, di emissioni di CO2, sicurezza e flusso di traffico.

ITOY 2018

Nel 2017 una giuria indipendente, formata dai maggiori giornalisti specializzati nel trasporto su strada, provenienti da 23 paesi europei, in occasione della fiera Solutrans a Lione, ha insignito i nuovi DAF CF e XF del titolo “International Truck of the Year 2018”.

Gli elettrici

Nel 2018 DAF Trucks e VDL (società leader nell’elettrificazione di veicoli commerciali, in particolare nel campo degli autobus da trasporto pubblico) collaborano per lo sviluppo di una prima serie del CF Electric. Un veicolo a trazione elettrica al 100% che sfrutta l’avanzata tecnologia E-Power di VDL. Si tratta di un trattore stradale 4×2 da 40 ton, sviluppato per missioni di distribuzione all’interno delle aree urbane con semirimorchi monoasse o doppio asse, basato sul telaio del CF alimentato a gasolio. Il cuore della catena cinematica è il motore elettrico da 210 kW, che trae energia da un pacco batterie agli ioni di litio con una capacità totale di 170 kWh. Il CF Electric ha un’autonomia di circa 100 chilometri, adatta per applicazioni di distribuzione di volumi elevati. La ricarica rapida delle batterie può essere eseguita in 30 minuti. La ricarica completa avviene in appena 1,5 ore.

New Generation

In questi anni, l’Unione europea ha elaborato nuove norme per i pesi e le dimensioni dei veicoli industriali, offrendo ai produttori di veicoli industriali la possibilità di allungare leggermente le cabine, a condizione che la lunghezza aggiuntiva vada a vantaggio dell’ambiente, della sicurezza del veicolo e dell’uomo o della donna al volante. Nascono così i modelli DAF XF, XG e XG+ per impieghi gravosi e trasporto su lunghe distanze e la serie XD (per la distribuzione nazionale e regionale), I veicoli si aggiudicano per due volte consecutive il premio “International Truck of the Year”.

I modelli XD e XF sono disponibili anche con trasmissione completamente elettrica e un’autonomia fino a 500 km con una singola carica. XD e XF Electric sono costruiti nella linea di assemblaggio dei veicoli elettrici, una linea di produzione completamente nuova entrata in funzione nel 2023 presso lo stabilimento DAF di Eindhoven. DAF introduce inoltre una versione completamente elettrica per la distribuzione urbana, il DAF XB di Nuova Generazione, prodotto da Leyland Trucks in Gran Bretagna.

Il futuro è Idrogeno

Ora DAF sta sviluppando nuovi motori a idrogeno a emissioni zero di CO2 che emettono solo vapore acqueo. Allo stesso tempo, la PACCAR, sta conducendo test con la tecnologia delle celle a combustibile ultra-pulite e sta portando avanti lo sviluppo di trasmissioni elettriche.

Riflessioni

“Hub e Wim van Doorne difficilmente crederebbero ai loro occhi se potessero vedere i prodotti del 2024 – afferma presidente di DAF Trucks – Allo stesso tempo, potrebbero confermare con non poca soddisfazione che i nostri veicoli sono DAF a tutti gli effetti: innovativi, di alta qualità e sviluppati per offrire la massima efficienza, il massimo comfort per il conducente e una sicurezza senza pari. Ne sarebbero molto orgogliosi. Proprio come lo sono io del nostro passato, del nostro presente e dei nostri progetti per il futuro.”