Test drive Ford Ranger Platinum 4WD 3.0 Ecoblue 240CV

6 dicembre 2023
Comments off
764 Views

Abbiamo provato il pick-up dell’Ovale Blu, recentemente premiato come Pick-Up Of The Year 2024 in occasione di Solutrans, nel suo allestimento premium

Il Ford Ranger Platinum, disponibile unicamente in versione doppia cabina 5 posti, pur mantenendo l’aspetto muscoloso della nuova serie, sale di livello grazie alle finiture cromate ed accessori ricercati. Conosciamolo meglio

Esterni

Il veicolo in prova è dipinto in Carbonized Grey metallizzato. Il frontale è caratterizzato dall’esclusiva griglia con una nuova finitura cromata che contribuisce a creare un forte impatto visivo. Bellissimi i nuovi cerchi in lega da 20 pollici a sei razze a forma di “v” in alluminio spazzolato con dettagli in ebano lucido che lasciano intravedere i grandi dischi freno autoventilanti. Altri dettagli premium sono il portellone posteriore con chiusura ammortizzata, i vetri oscurati e le luci diurne all’interno dei fari Matrix LED. Le barre sul tetto, di serie, aggiungono un look da “avventura”.

Interni

L’interno del Ranger Platinum è impreziosito dalla sofisticata pelle nera che riveste i sedili con eleganti impunture bianche in contrasto, il bracciolo centrale e la corona del volante. Conducente e passeggero beneficiano di sedili con regolazione elettrica a 10 vie, funzioni di riscaldamento e raffreddamento. Gli inserti della plancia, in look legno d’acero scuro, sottolineano lo stile raffinato del design, mentre l’illuminazione interna soffusa color ambra contribuisce a creare “ambient”.

Infotainment

La plancia è caratterizzata da due schermi da 12 pollici: un cluster digitale completo che sostituisce gli strumenti tradizionali analogici e uno schermo touch verticale (tipo tablet) che controlla il sistema di infotainment Ford SYNC 4A. Quest’ultimo, a nostro giudizio risulta abbastanza fastidioso nella marcia diurna per la luce emessa dal grande display a fondo chiaro. Di notte per fortuna si oscura automaticamente. Inoltre, pensiamo che durante la marcia sia fonte di distrazione. Il Ranger Platinum è dotato anche di un sistema audio B&O a otto altoparlanti e di ricarica wireless dei telefonini di serie. La connettività è garantita da un modem FordPass Connect, anch’esso di serie, che, grazie al software Ford Power-Up, consente di tenere sempre sotto controllo prestazioni ed efficienza del veicolo, anche in remoto.

On the road

Una volta a bordo ci regoliamo la posizione di guida, volante e sedile, a nostro piacimento. Mettiamo in moto tramite il pulsante start/stop. Il potente turbodiesel Ford V6 da 3,0 litri da 240 CV e 600 Nm di coppia si fa sentire con un ringhio felino ma non invadente all’interno dell’abitacolo. I giri salgono rapidamente seguendo perfettamente il ritmo impresso dal piede destro sul pedale dell’acceleratore. Il cambio automatico a 10 rapporti, con programmazione adattiva delle marce e supporti riprogettati per ridurre rumori e vibrazioni, seleziona la marcia ottimale in qualsiasi situazione senza esitazioni.

Puntiamo il muso verso sud e da Roma ci dirigiamo verso le assolate coste cilentane. In partenza il computer di bordo ci segnala un’autonomia di 620 km. In autostrada abbiamo avuto modo di apprezzare le doti di potenza del veicolo, stupendo non pochi automobilisti che trovandosi davanti un pick-up che, seppur bello, rappresenta sempre una specie di camioncino, avviavano un isterico gioco di luci stroboscopiche che si riflettevano sul nostro specchietto retrovisore. In questi casi basta spostare la leva del cambio automatico su la “S” (modalità Sport), dare una pelatina all’acceleratore e le auto iniziano a rimpicciolirsi sempre di più nello specchietto retrovisore. Il nuovo assetto, rispetto le precedenti versioni ci sembra più rigido e saltellante a veicolo vuoto.

Arrivati a Santa Maria di Castellabate (si, proprio quella di “Benvenuti al Sud”) in provincia di Salerno, in pieno Cilento, dopo circa quattro ore di viaggio e 343 km, il computer di bordo ci segnala ancora 280 km di autonomia. Qui ci aspetta un lungo weekend dedicato alla raccolta delle olive. L’elegantone, anche se sembra un sacrilegio, dovrà per forza sporcarsi, ma d’altro canto è omologato N1, quindi: “ha da faticà”.

Apriamo il cassone provvisto di comoda chiusura a serranda elettrica in alluminio, abbassiamo la sponda ed iniziamo a caricare cassette e reti per la raccolta delle olive. Ci addentriamo sui campi resi fangosi dalle recenti piogge ma il Ranger non fa una piega e, una volta inserita la trazione integrale tramite la manopola al centro della consolle, procede senza tentennamenti. A fine giornata carichiamo le cassette piene di olive (un quintale) e ci dirigiamo presso il frantoio che si trova in una località montana nelle vicinanze del paesino di Perdifumo (SA).

Ci arrampichiamo sulla strada impervia e sconnessa, anche se asfaltata, con pendenze del 35/40%, piena di tornanti stretti. Per precauzione inseriamo, sempre tramite manopola centrale, le marce ridotte. I 600 Nm di coppia sono più che sufficienti per toglierci d’impaccio.

Il Ranger Platinum procede con la tipica tranquillità dei forti, rimandando a chi guida una sensazione di grande sicurezza anche durante i passaggi più impegnativi. Con un’altezza da terra di 219 mm, il pick-up si sposta agevolmente su ogni tipo di terreno e affronta le situazioni più estreme. Gli angoli di attacco di 28°, e di uscita di 22°, consentono di superare ogni tipo di ostacolo.

Dopo aver raccolto in appositi contenitori il prezioso liquido dorato proveniente dal frantoio ed averlo caricato sul cassone, prendiamo la via del ritorno. Rabbocchiamo il carburante, che nel frattempo è sceso quasi fino alla riserva, anche se il computer di bordo ci tranquillizza comunicandoci che ci rimangono ancora 140 km di autonomia. Alla fine del nostro peregrinare, una volta tornati alla base, a Roma, abbiamo percorso poco più di 1.000 km e consumato circa 90 litri di gasolio. Complimenti, considerando dimensioni (5.370 mm di lunghezza) e peso (MTT 3.190 Kg.) del veicolo.

Sicurezza e assistenza alla guida

Il Ranger dispone, su tutte le versioni, di diverse tecnologie di assistenza alla guida, come: il Pre-Collision Assist che utilizza una telecamera per rilevare una potenziale collisione ed emette un suono di avvertimento: l’Evasive Steer Assist aiuta a fare manovre intorno agli ostacoli fornendo un ulteriore supporto allo sterzo; il Blind Spot Information System con Trailer Coverage avvisa se un altro veicolo entra nel “punto cieco” con una spia che si accende nello specchietto esterno corrispondente. Infine, viaggiando su grandi distanze o in momenti di traffico intenso, l’Adaptive Cruise Control con Stop-and-Go allevia la fatica, mantenendo automaticamente il veicolo a una velocità e a una distanza da chi ci precede preimpostate fino ad arrivare all’occorrenza ad un arresto completo.

Zona carico

Il cassone del Ranger Platinum, rivestito in materiale plastico antisdrucciolo, viene fornito di serie con copertura elettrica avvolgibile in allumino. Un telecomando nel portachiavi ne comanda l’apertura e la chiusura.

Le guide integrate nei binari laterali rendono semplice l’installazione di accessori aggiuntivi, mentre una luce a LED automatica si attiva per offrire una maggiore visibilità quando la copertura è aperta di notte. Una presa da 400 W 12 V/240 V, montata sul lato interno della sponda laterale sinistra del cassone, consente di alimentare facilmente frigoriferi, utensili e batterie. Internamente lungo 1.564 mm, largo 1.584, 1.220 fra passaruota, con sponde da 824 mm di altezza il vano di carico consente di trasportare comodamente un Europallet con un carico massimo di 1.086 kg. La sponda posteriore richiede poco sforzo per l’abbassamento grazie al sistema EasyLift. Quando aperta può sostenere un peso massimo di 75 kg. Abbiamo trovato utilissimo il gradino laterale posteriore che consente di caricare agevolmente oggetti nel vano di carico.

Scheda tecnica

Modello: Ford Ranger Platinum 4WD 3.0 Ecoblue 240CV

Prezzo: a partire da € 69.994

Caratteristiche Off-Road