Accelerazione MAN verso la mobilità elettrica

16 novembre 2022
Comments off
109 Views

Il Leone elettrico bavarese inizia il suo percorso di test in condizioni di utilizzo reale presso aziende di autotrasporto prima del lancio definitivo nel 2024

Lo abbiamo visto all’IAA Transportation 2022, il prototipo eTruck MAN già in versione semi definitiva.  Oggi il veicolo è pronto per affrontare la strada in condizioni di utilizzo reale presso una serie di aziende di autotrasporto disposte a provarlo. L’eTruck MAN arriverà ai primi clienti nel 2024. I primi 20 prototipi prodotti sono già pronti per la futura ricarica in megaWatt che consente di accorciare notevolmente i tempi di biberonaggio delle potenti batterie, installate a bordo del veicolo, capaci di garantire autonomie dai 600 agli 800 km e, in futuro, anche fino a 1.000 chilometri.

“Il nostro nuovo eTruck elettrificherà il trasporto a lunga percorrenza a partire dal 2024. MAN viaggerà quindi elettricamente e senza emissioni di CO2 in tutte le aree di prodotto: dai furgoni agli autobus urbani, dai camion per la distribuzione ai camion pesanti a lunga percorrenza – ha dichiarato Alexander Vlaskamp, CEO di MAN Truck & Bus – All’IAA abbiamo aperto le prenotazioni per il primo lotto del nuovo eTruck perché dalla metà del decennio sarà più economico viaggiare a batteria che con un diesel convenzionale. Entro il 2030, metà dei nostri veicoli venduti nell’UE dovrebbe avere sistemi di trasmissione a emissioni zero. Ma perché ciò avvenga, l’infrastruttura di ricarica deve essere efficiente: oggi il governo federale tedesco ha adottato il ‘Piano generale per le infrastrutture di ricarica II’ che, per la prima volta, include anche lo sviluppo dell’infrastruttura di ricarica per i camion elettrici. Questo è un primo importante passo, ma gli obiettivi per le stazioni di ricarica devono essere più concreti.”

I veicoli elettrici a batteria (BEV) offrono bassi costi operativi ed un uso dell’energia della driveline di circa due volte più efficiente rispetto agli odierni camion con motore diesel, ma anche ai camion alimentati con celle a combustibile idrogeno.

Il futuro MAN eTruck verrà proposto sia in versione trattore stradale per il trasporto su lunghe distanze, che come motrice a due o tre assi per la distribuzione urbana.

Grandi passi di MAN verso la produzione in serie di veicoli elettrici

I prototipi del futuro e-lion sono stati prodotti nell’innovativo MAN eMobility Center presso lo stabilimento principale di Monaco. Per favorire l’accelerazione verso l’elettromobilità nel segmento dei veicoli commerciali pesanti, i camion diesel o elettrici possono essere prodotti su un’unica linea, nonostante componenti diversi, a seconda delle esigenze della domanda. Anche la forza lavoro è preparata e in larga misura già formata per la nuova tecnologia elettrica. Entro la fine del 2023, tutti i lavoratori dedicati alla produzione di autocarri elettrici saranno qualificati per la produzione in serie.

Sono stati effettuati investimenti anche nello stabilimento MAN di  Norimberga dove, dal 2025 verranno prodotti circa 100.000 gruppi batteria all’anno.

Il nuovo MAN eTruck utilizza già la terza generazione di batterie MAN. Il Costruttore ha già acquisito una vasta esperienza con la prima generazione della piccola serie di batterie del MAN eTGM che, dal 2019, si è confermata valida nell’uso quotidiano con oltre 1,5 milioni di chilometri percorsi in numerosi Paesi europei. Con la seconda generazione di batterie del MAN Lion’s City E citybus, è stato anche possibile stabilire un record di autonomia nell’uso pratico con oltre 550 chilometri percorsi con una sola carica. Oltre all’autonomia, lo sviluppo delle batterie MAN si concentra anche sulla sicurezza in caso di incidente, sulla durata, sulla resistenza alle vibrazioni e sulla temperatura.

Consulenza dedicata per i veicoli elettrici

Il team di MAN Transport Solutions sta già preparando le aziende di trasporto alla nuova era. Per l’eTruck è infatti necessaria una trasformazione da parte degli utenti sulla strada e l’eMobility Consulting li supporta a 360° in questo. Oltre ai consigli sui veicoli più adatti, la consulenza include anche l’analisi delle condizioni operative specifiche del cliente, come le diverse fasi, l’ottimizzazione dei costi, la verifica del percorso e la gestione della flotta.

Grazie alla collaborazione con i partner ABB, Heliox e SBRS-Schaltbau, MAN Transport Solutions è in grado di offre la corretta infrastruttura di ricarica e, grazie a strumenti digitali come il nuovo MAN eReadyCheck, fornisce un valido supporto per verificare se i percorsi di consegna possono essere eseguiti esclusivamente in elettrico. Un altro servizio offerto è il MAN eManager, che consente ai gestori di flotta di tenere sempre sott’occhio le importanti informazioni di ricarica di tutti i camion della stessa.

Infrastruttura di ricarica innovativa

Fondamentale nel processo di transizione verso un’emobility concreta è lo sviluppo, in parallelo ai veicoli elettrici, di valide infrastrutture di ricarica. Per questo MAN sta collaborando con “HoLa” per progettare, l’installazione di stazioni di ricarica per camion ad alte prestazioni, utilizzando quattro località pilota lungo l’autostrada tedesca A2. Inoltre, il Costruttore bavarese si concentra sullo sviluppo della tecnologia di ricarica attraverso il progetto NEFTON. Assieme ad altri partner MAN Truck & Bus sta analizzando un sistema composto da un camion completamente elettrico, una stazione di ricarica e un collegamento di rete, nonché la loro progettazione per vari casi d’uso nel trasporto su lunghe distanze. L’obiettivo centrale del progetto NEFTON è verificare il Megawatt Charging System (MCS) di MAN con una capacità di ricarica di oltre 2 megaWatt. Nel progetto è allo studio anche la ricarica bidirezionale nell’intervallo dei megaWatt, attraverso la quale il camion può funzionare anche come dispositivo di accumulo di energia per la rete elettrica.

Oltre alla tecnologia di ricarica e alla sua applicazione, MAN è impegnata pure nell’espansione dell’infrastruttura di ricarica: il Gruppo TRATON ha fondato una joint venture con altri partner industriali per creare almeno 1.700 punti di ricarica ad alte prestazioni su o vicino ad autostrade e centri logistici in tutta Europa. I partner stanno investendo un totale di 500 milioni di euro per questo scopo.

Per la futura piena elettrificazione del trasporto europeo a lunga percorrenza, secondo le stime dell’associazione di categoria ACEA, servono 42 mila colonnine di ricarica nella fase iniziale. Questo è il motivo per cui MAN accoglie favorevolmente il piano generale del governo tedesco, che sarà adottato a breve. Il passaggio del traffico verso soluzioni di trasporto prive di CO2 nel settore dei veicoli commerciali avrà successo solo con un lavoro comune. Ipotizzando 350 mila camion elettrici sulle strade europee entro il 2030, sarebbe necessaria una capacità di ricarica di 37 teraW/h all’anno basata su energie rinnovabili. Ciò corrisponde alla produzione media annua di energia di circa 6 mila turbine eoliche.